Germogli» Foto | Video | Contatti

Finalmente!!!!


Ricordate la sezione "Progetti futuri" a fondo pagina? Sí, quella che diceva:
"Stiamo lavorando per fare un film, vi terremo informati. Dovrebbe far ridere parecchio, anche perché ce lo giriamo da soli, con i nostri mezzi e le nostre conoscenze. In tutto questo l'uso della ragione non c'entra. Non cercate di interpretarci su basi razionali. La nostra brava masochista regista non l'ha mai fatto, neppure con se stessa!"

Ecco, ora ABBIAMO FINITO IL FILM.
Quindi, se vuoi vedere il trailer ufficiale clicca qui!!
Alla proiezione venite tutti, anche tu, sí, proprio tu. Venite, anche perchè NON SI PAGA IL BIGLIETTO!!!!

Se passando…


Se, passando in piazza il sabato mattina nel piccolo paese di Montaldo, sentite urla, risate, squilli di tromba, accordi di chitarra, se sentite correre e altre cosucce del genere, il tutto proveniente dal serio salone della pro loco, non significa che sono tornati gli Unni e hanno preso il potere: Significa che i ragazzi della compagnia dei Germogli stanno facendo le prove. Sono tre anni che fanno le prove e non solo: anche spettacoli, tanti. Ma come mai, vi chiederete. Non hanno niente di meglio da combinare? E poi, chi viene a vederli? Confesso che a volte il pubblico è bello abbondante, a volte invece abbondano le sedie vuote e allora viene il nervoso… dopo tanto lavoro… Bisognerà forse ricorrere alle minacce, se volantini e locandine non bastano a convincere la gente. Che tipo di teatro fanno questi Germogli? Roba seria? No, fanno parecchio ridere. Sono degli originali, vanno contro corrente: propongono un umorismo pulito, mai volgare. In questo sono veramente dei fenomeni, per il resto, che dire? Hanno incominciato in due, adesso sono in otto. Diventeranno famosi, molto famosi… forse. Correte a vedere i loro spettacoli, affrontate qualunque viaggio, qualunque prova, pur di conoscerli. Sono unici al mondo e insieme a loro anche voi capirete di essere unici. Spero non gli unici…

I ragazzi…


I ragazzi delle compagnia dei Germohli sono in otto. Hanno dai dieci ai quindici anni. Sono in gamba, ognuno con caratteristiche diverse ed irripetibili. Abbiamo il grande roditore, che non posso dire chi è, ma ci mangia sempre tutto, sia le cose di scena che i generi di conforto. Ma lui rimane comunque sempre nell'ambito delle cose alimentari. Ce n'è un'altro che lo ha superato, mangiandosi un questionario che la brava regista masochista aveva consegnato a tutti, da far visionare ai genitori… e buona digestione! Il vero spettacolo è quello segreto, dietro le quinte! In genere è di una drammaticità estrema, altro che tragedie greche! Cosa succede dunque dietro le quinte, che cosa si perde il pubblico? Di tutto. Corse su corse per trovare il materiale di scena, chiacchierate, cambio costumi, mangiate dei roditori, bevute, e improvvisi lampi di genio che fanno credere a chi ha avuto uno di questi lampi di dover assolutamente fiondarsi sul palco e sparare qualcosa di improvvisato. Dietro le quinte ci sono gesti di incoraggiamento, esclamazioni di esultanza quando la scena viene bene e mani nei capelli quando qualcosa va male. Dietro le quinte ci sono i cappelli, che la brava, paziente, fedele e sempre masochista regista raccomanda sempre di tenere sulla testa e di non lasciare dietro le quinte.

I metodi…


I metodi della compagnia dei Germogli non sono segreti, ma pochi riuscirebbero a capirli. Se siete abituati a fare teatro con un bel copione su cui studiare la parte a memoria, come si fa ovunque e per buoni motivi, sappiate che la nostra brava, fantasiosa, masochista regista ha abolito i copioni. Ci ha ferocemente annunciato che non ne avremmo mai pi&iucute; visto uno, e ha mantenuto la promessa. In realtà la cosa è nata come una vendetta da parte sua, perché era stufa di raccattare da terra copioni abbandonati o distrutti. Per&iocute; da quel giorno le cose sono andate meglio e sempre meglio. Eliminare i copioni è stata un'ottima cosa. Dunque, qual'è il metodo? In genere si procede provando una scena per volta, proposta dalla solita regista masochista. Ogni scena viene elaborata sia su percorsi fissi sia con improvvisazioni. Quando abbiamo riso abbastanza, vuol dire che la scena va bene, allora si manda in memoria, ma non la memoria del computer, la memoria che abbiamo nel cranio e che sempre ci sostiene. A dirlo sembra facile, in realtà un po'di sforzo ci vuole, ma tutto è meglio dello studio su un copione. La nostra brava incredibile masochista regista è stata proprio un genio a presupporre che noi avessimo una memoria giovane e fresca e quindi in grado di fare anche i miracoli.

Perché facciamo teatro…


Noi facciamo teatro per tanti buoni e nobili motivi, ma in realtà non sappiamo quali siano. C'è qualcuno che li sa? Ce li dica, per favore. Pallino fa teatro perché se manca lui crolla tutto, Mercurio perché sa di essere indispensabile, Marco sa di essere assolutamente necessario e cosí Alberto, Federico, Silvia, Giulia e Daniele. Tutti sanno di essere colonne portanti, anche se non sanno cosa portano. La nostra brava, buona, masochista regista sa di essere una colonna masochista, una cosa rara. Nella nostra compagnia non ci sono animali. Non hanno voluto venire. Abbiamo solo un coniglio finto, un serpente finto che sembra vero e un cane finto che sembra finto.

Il materiale di scena…


Il materiale di scena è tutto l'insieme degli oggetti che ci servono per fare teatro. In genere vengono costruiti dalla nostra brava geniale masochista regista. Il fatto di costruirli non è niente in confronto a dove metterli e tenerceli. Occupano molto posto e possono durare anche una ventina di anni. Se ci fosse ad esempio la necessità di costruire un cavallo di Troia, per recitare l'iliade, farlo sarebbe una sciocchezza, a paragone di dove ficcarcelo una volta costruito. La nostra brava masochista regista tiene tutto a casa sua e ha, ad esempio, un'enorme testa di drago sopra il freezer.

Lina


Diciamo la verità, chi è come Lina? E' membro onorario della compagnia dei Germogli e ha 81 anni. Giustamente, se qualcuno le dice che è una vecchietta si risente perché quel qualcuno mente. Lina ci segue nei nostri pellegrinaggi teatrali e ci aiuta sempre e spesso partecipa anche come attrice. Grazie, Lina!

Pubblicità


In genere la pubblicità consiste in bellissime anacronistiche locandine disegnate e scritte a mano dalla nostra illuminata masochista regista, la quale dice che se ci arriverà un fidanzamento, cioè, un finanziamento, per prima cosa ci faremo delle locandine grosse come questo tavolo, con la carta lucida, la foto e tutto il resto, in modo che si vedano bene da lontano e che la gente pensi che siamo dei professionisti famosi, che invece di passare quasi tutto il tempo libero a fare i compiti stanno sempre sulle scene, con un pubblico in delirio che grida: "Germogli! Germogli! ". La pubblicità è tutto. Per diventare famosi dobbiamo comportarci come se già lo fossimo.

Il prestigiatore


Il nostro prestigiatore è Mago Mercurio. È in grado di piantarvi delle spade nella testa e di farvela sparire come una bolla di sapone.

I suonatori


Pallino, al piano. Lo suona solo a casa sua, perché come fa a portarselo dietro? Silvia, al pianoforte e all'arpa, anche lei a casa sua. Federico e Alberto tromba e percussioni. Trasportabili. Marco chitarra, trasportabile ovunque. Molto bravo, sa fare pezzi antichi che ti rapiscono l''anima e musiche recentissime che bloccano la digestione agli anziani.

Il passato


Nel passato abbiamo al nostro attivo una moltitudine spettacoli. Vittorie e sconfitte. Ci siamo divertiti.